NEWS

IL RAFFREDDORE … IL PRIMO MALE DI STAGIONE

L’inverno è ormai alle porte, il termometro inizia a non salire più di 15-18 °C, le giornate sono più corte, i mesi più freddi dell’anno stanno per arrivare portandosi con se i diversi malanni di stagione. Tosse, febbre, malessere e raffreddore stanno facendo capolino, vediamo un po’.. quanti di voi hanno avuto a che fare con il raffreddore? Che cos’è? Come curarlo?

Il raffreddore o congestione nasale è un processo infiammatorio alla base del quale si ha una vasodilatazione cioè i capillari (piccoli vasi sanguigni) della mucosa nasale si dilatano, passa più sangue e con esso anche liquidi i quali vanno ad occludere le cavità nasali provocando un ostruzione dei seni paranasali, ed ecco che avvertiamo subito quella sensazione di non poter respirare bene. Le cause attribuibili al raffreddore possono essere di origine virale (rinovirus) o allergica. È una patologia molto comune che si trasmette facilmente o per semplice contatto o per via aerea tramite le goccioline che si emettono starnutendo o tossendo.

Tra i rimedi utili per il raffreddore abbiamo gli spray decongestionati, generalmente a base di fenilefrina, nafazolina, oximetazolina e xilometazolina; la loro funzione è quella di vasocostringere i capillari (ridurre il diametro dei piccoli vasi) cosi che passa meno sangue e di conseguenza meno liquidi e quindi le cavità nasali si riempono di meno. Nonostante la loro applicazione sia locale, il loro assorbimento avviene però a livello sistemico, come conseguenza si può avere quindi un aumento della pressione sanguigna a seguito della vasocostrizione. Gli spray decongestionanti NON possono essere somministrati in:

– Soggetti ipertesi
– Gravidanza
– Allattamento
– Bambini sotto i 12 anni

La posologia generalmente è di 1-2 nebulizzazioni per narice per ad un massimo di 2-3 volte al giorno. Sono medicinali da banco, acquistabili senza obbligo di ricetta medica, vanno utilizzati con cura per 3 o 4 giorni in quanto possono creare dipendenza ed un uso prolungato può scaturire un effetto opposto a quello desiderato. Come conseguenza aumenterà l’infiammazione della mucosa nasale con aumento della secchezza delle narici, si parla di effetto rebound cioè peggioramento dell’infiammazione a livello della mucosa nasale, maggior ingresso di liquidi, maggior ostruzione dei seni paranasali ed il soggetto respirerà meno bene.

Oltre a spray decongestionanti esistono rimedi naturali che aiutano a liberare le vie nasali senza però troppe controindicazioni. In commercio abbiamo spray di acqua fisiologica isotonica o ipertonica, spray a base di acqua termale e argento colloidale.

I buoni e vecchi rimedi della nonna possono sempre tornare utili avete mai sentito parlare dei suffumigi? Non è altro che l’inalazione di vapore caldo che permette di sciogliere il muco ed inumidire la mucosa nasale, basta far bollire acqua in un pentolino,coprirsi la testa con un asciugamano ed inalare il vapore. Per migliorarne l’efficacia si possono aggiungere olii essenziali come eucalipto, menta, timo o semplicemente sale. I suffumigi non hanno controindicazioni e possono essere fatti da tutti, l’unica accortezza è quella di non utilizzare olii essenziali in bambini o soggetti asmatici in quanto possono provocare attacchi d’asma.

Se hai dei dubbi su quale sia il prodotto migliore per te, passa in farmacia e sapremo darti un consiglio mirato, oppure se hai già le idee chiare, puoi andare sul nostro shop online alla pagina dei rimedi dedicato al raffreddore e trovare il tuo prodotto preferito. Ricordati che sul nostro shop online quasi tutti i prodotti di cosmesi sono scontati.

Dott. Erika Paolucci

RIMANI AGGIORNATO

Per conoscere i consigli dei nostri farmacisti specializzati, essere aggiornato sulle nostre promozioni, i nostri eventi e le nostre giornate di prova gratuite. Iscriviti alla nostra newsletter!

ALTRI EVENTI E NOTIZIE