NEWS

OCCHIO: MEGLIO VEDERCI CHIARO

Alla scoperta di un organo di senso fondamentale, delle sue patologie, e di come curarle

Da oggi il nostro blog si arricchisce di una importante sezione. Scopriremo, in modo semplice e divertente, i principali organi del corpo umano, con le relative patologie ed i relativi consigli per affrontarle al meglio.

Questa rubrica non vuole in alcun modo sostituirsi al parere medico che resta senza dubbio la figura di riferimento, ma pensiamo che parlando insieme di un organo e delle sue funzioni, sia più facile capire l’ insorgere di alcune patologie, ma soprattutto capire il perché di certe terapie da seguire.

Cominciamo questa nuova scoperta parlando dell’ occhio: buona lettura!

L’ occhio è uno dei cinque organi di senso che contribuisce a mandare stimoli al cervello tramite terminazioni nervose, producendo segnali necessari alla sopravvivenza dell’organismo. L’ apparato visivo è costituito da due organi simmetrici, posti anteriormente nel cranio e collegati all’encefalo tramite i nervi ottici. In ciascun bulbo oculare si distinguono parti diverse per tessuto, struttura e funzione:

- membrana esterna (tonaca fibrosa) distinta in una parte trasparente anteriore detta cornea , non vascolarizzata e una parte posteriore biancastra detta sclera, poco vascolarizzata e con funzione di sostegno e protezione. Questa parte dell’occhio è ricoperta da una mucosa detta congiutiva.

- membrana intermedia (tonaca vascolare) molto vascolarizzata e innervata. Contiene il corpo ciliare in cui si attacca il muscolo ciliare responsabile del movimento del cristallino e una parte anteriore chiamata iride perforata dalla pupilla con diverso colore a seconda della pigmentazione.

- membrana interna (tonaca nervosa) o retina. La macula è la zona centrale della retina, ricca di fotorecettori che percepiscono i colori (coni) e aiutano a vedere in condizioni di scarsa luminosità (bastoncelli)

- il cristallino è un elemento che funge da lente

- camera anteriore e posteriore in cui circola l’umor acqueo

- camera vitreale dove si trova il corpo vitreo con funzione riempitiva e di protezione

Come avviene la trasformazione dello stimolo visivo in un’ immagine nitida e ben definita?

Il cristallino e la cornea svolgono la funzione di lente, proiettando le immagini che passano attraverso l’iride sulla superficie fotosensibile della retina. L’iride regola la quantità di luce in entrata e contribuisce a rendere nitida l’immagine. La luce colpisce speciali recettori che trasformano le immagini luminose in stimoli nervosi elaborati dal cervello.

Si possono avere disturbi visivi che possono essere corretti con lenti, occhiali o interventi. I suddetti sono:

- Miopia: difficoltà a vedere in lontananza dovuta all’opacizzazione del cristallino;

-Presbiopia: o vista senile, difficoltà a vedere da vicino causata dalla riduzione dell’elasticità del cristallino;

- Ipermetropia: causata da un bulbo oculare troppo corto, inizialmente si hanno problemi da vicino ma in seguito anche a lunghe distanze;

-Astigmatismo: dovuto a un difetto di forma della cornea o del cristallino per cui le immagini si sdoppiano sia da vicino che da lontano

Tra le varie affezioni che possono colpire l’occhio parliamo in questo articolo della CONGIUNTIVITE.

E’ un’ infiammazione della congiuntiva ed è la causa piu’ comune di arrossamento e secrezione dell’occhio.

Come si manifesta? I primi sintomi sono occhio rosso e irritato, come se ci fossero granellini di sabbia. Successivamente vi è un aumento della secrezione oculare, occhio appiccicoso e incrostato soprattutto al risveglio e fotofobia (fastidio alla luce).

Quali sono le cause? Alla base del problema possono esserci infezioni batteriche o virali, cosi come il contatto con sostanze irritanti (fumo, cloro, cosmetici), radiazioni ultraviolette e infrarosse, allergie provocate da pollini e polvere. Un’ altra causa comune, soprattutto nei bambini, è l’ostruzione dei canali lacrimali.

Consigli pratici:

1)tenere gli occhi puliti, disinfettare le palpebre con salviette sterili(una per occhio) ed evitare cosmetici

2) non fumare e non andare in piscina per evitare di venire a contatto con tali agenti irritativi

3) lavare gli occhi con acqua tiepida tranne in caso fosse congiuntivite allergica, usare in tal caso acqua fredda

4) evitare di toccare gli occhi e lavarsi bene le mani dopo averlo fatto

5) indossare occhiali scuri

La congiuntivite è una patologia di facile risoluzione ma è bene evitare il fai da te e rivolgersi al medico già ai primi sintomi.

Esistono anche integratori in grado di ripristinare o mantenere il benessere oculare. Per questo ed altri consigli, ti aspettiamo in farmacia.

Dott.ssa Cecilia Paesani

RIMANI AGGIORNATO

Per conoscere i consigli dei nostri farmacisti specializzati, essere aggiornato sulle nostre promozioni, i nostri eventi e le nostre giornate di prova gratuite. Iscriviti alla nostra newsletter!

ALTRI EVENTI E NOTIZIE